Tempo di Lettura: 4 minuti

L’estate ci sta lasciando, le temperature continuano a scendere ed il tempo inizia a fare i capricci. Come risultato iniziano i primi raffreddori, qualche colpo di tosse e qualcuno si ammala di influenza.

Cosa si può fare per curare in modo naturale i primi malanni della stagione autunnale? Ci possiamo rivolgere alla fitoterapia e all’agopuntura.

Una pianta che ha dimostrato avere attività immunoniologica, antiinfiammatoria e lenitiva è l’echinacea, il cui uso medicale  si deve agli indiani del Nord America, che la ritenevano estremamente valida nel trattamento di varie problematiche, dal morso di serpente a sonagli al mal di denti.

Nei secoli l’Echinacea è stata utilizzata, per via interna, nella profilassi e nel trattamento delle malattie da raffreddamento e, per via esterna, nelle affezioni cutanee di tipo infiammatorio e nelle ferite in cui è necessario attivare la rigenerazione tissutale e ridurre i rischi di infezione.

Infatti la pianta è in grado di rafforzare le difese dell’organismo in particolare nei confronti delle sindromi influenzali o febbrili con interessamento delle vie respiratorie superiori provocando una riduzione della durata della malattia e scomparsa graduale della sintomatologia sia per quanto riguarda i sintomi oggettivi (come l’ingrossamento dei linfonodi) sia di quelli soggettivi (mal di testa, dolori all’orecchio, rinorrea, lacrimazione). Può essere utilizzata, proprio per le proprietà antiflogistiche, nella terapia delle prostatiti,  in ambito ginecologico e nelle forme poliartritiche.

L’uso esterno è legato alla capacità cicatrizzante e riepitelizzante della pianta, oltre che alle proprietà antiinfiammatorie, antisettiche e decongestionanti che la rendono utile nel trattamento di ulcere, ferite infette, ustioni, afte e dermatiti.

Pertanto per l’autunno e l’inverno possiamo aiutarci con un infuso preparato con mezzo cucchiaino di radice di Echinacea (facilmente reperibile in erboristeria) in una tazza d’acqua bollente, filtrato dopo circa 10 minuti ed assunto tra i pasti principali. Oppure si può acquistare in parafarmacia la tintura madre da assumere in 30 gocce tre volte al giorno in fase acuta o una volta al giorno con scopo immunostimolante. Ci sono poi tutta una serie di preparati fitoterapici ed omeopatici a base di echinacea che, con l’ausilio di un medico esperto in materia, possono essere molto utili per tenerci naturalmente in salute.

L’Echinacea è ben tollerata e sicura, a meno che non vi sia un’ipersensibilità accertata verso uno o più componenti della pianta, anche se è preferibile non utilizzarla per più di otto settimane ed è controindicata in pazienti affetti da malattie autoimmuni e in quelli diabetici; a scopo precauzionale è sconsigliato assumerla durante la gravidanza e durante l’allattamento.

Scopri ancora:  Dal vino rosso un’aiuto alla nostra salute grazie al RESVERATROLO

Per calmare la tosse secca ci sono diversi tipi di infusi che possono aiutare a stare meglio. I più semplici da preparare per la facilità di reperire il necessario sono a base di basilico o cipolla; il primo si prepara lasciando 20 grammi di sommità fiorite e foglie di basilico in 1 litro di acqua bollente per 10 minuti; il secondo tenendo in infusione per 10 minuti 250 grammi di bulbi di cipolla in 1 litro di acqua bollente e poi filtrare e zuccherare.

Se la tosse è catarrale è consigliabile un decotto di carota che si prepara facendo bollire per 10 minuti 100 grammi di radici in 1 litro di acqua per 10 minuti.

Per la sindrome influenzale si può preparare un infuso mettendo in infusione per 15 minuti 40-50 grammi di fiori di camomilla in 1 litro d’acqua bollente.

Se avete problemi di vomito preparate un infuso di limone mettendo mezzo limone a fette in 1 tazza d’acqua bollente.

Chiaramente se i sintomi dovessero persistere è consigliabile rivolgersi da un medico piuttosto che imbottirsi di farmaci in modo non appropriato.

AGOPUNTURA

Una caratteristica fondamentale del sistema immunitario è la capacità di distinguere le strutture  che non costituiscono un pericolo, e che quindi possono o devono essere preservate, e quelle che invece si dimostrano nocive per l’organismo e che devono essere eliminate.

L’esistenza di questo complesso sistema era già stato ipotizzato secoli fa dalla Medicina Tradizionale Cinese ed a questa “barriera”, così importante per mantenere intatta la salute dell’organismo, era stato dato il nome di Weiqi o Qi difensivo.

In medicina cinese vengono descritti diversi tipi di Qi a partire dallo Zhengqi che è la resistenza organica cioè la capacità dell’organismo di mantenere il corretto stato di salute e di opporsi ai fattori patogeni che lo attaccano. Esso risulta composto da tre diversi tipi di Qi, quello alimentare, quello respiratorio e quello ereditario. La componente ereditaria, cioè quella che ci arriva dai nostri genitori, non possiamo incrementarla, ma possiamo cercare di sostenerla il più possibile rinforzando sia la componente alimentare che quella respiratoria.

Il Qi difensivo o Weiqi, che circola soprattutto nei meridiani più superficiali durante il

giorno e soprattutto negli organi Zang e nei visceri Fu, nella parte interna del corpo,

durante la notte, origina dallo Zhenqi o Qi vero. Questa è la vera quantità di Qi (costituzionale più acquisito) a disposizione dell’organismo per crescere, nutrirsi e difendersi dagli attacchi esterni: per mantenere un buono stato di salute risulta quindi fondamentale, oltre al patrimonio genetico, anche un corretto e sano stile di vita. Il Weiqi circola all’esterno dei canali, tra pelle e muscoli, nel torace, nell’addome e negli organi interni, difende la superficie corporea dai fattori patogeni esterni, riscalda e nutre gli organi interni, umidifica la cute e gli annessi cutanei.

Scopri ancora:  Artrite Reumatoide e Dieta

I principali punti utilizzabili sono: ST 36, SP 6, BL 12, BL 13, LI 11, BL 23, CV 4, CV 6, GV 14 e GV 4.

In particolare negli ultimi anni,  i dati forniti dalla ricerca scientifica sembrano confermare  l’efficacia dell’Agopuntura nella prevenzione e nel trattamento delle malattie attraverso il potenziamento delle difese organiche.

Quindi salutate con tranquillità l’estate e date il benvenuto all’autunno: i rimedi per le noie dei primi freddi sono tanti ed efficaci!!!