Tempo di Lettura: 7 minuti

L’osteoporosi è un disordine sistemico caratterizzato da decremento della massa ossea e deterioramento microarchitettonico del tessuto osseo, che conduce a fragilità ossea ed aumentata suscettibilità alle fratture d’anca, vertebrali e del polso con disabilità e dolore.

Causa dell’osteoporosi è solitamente uno squilibrio fra il riassorbimento e la formazione di osso. Nell’osteoporosi, il riassorbimento si verifica in misura maggiore rispetto alla formazione ossea, in tal modo si determina un bilancio negativo con una netta perdita di osso e un parallelo incremento del rischio di fratture, risultante in deformità e dolore cronico (presente per almeno 3 mesi).

L’osteoporosi viene ritenuta una “patologia silente” perché la perdita ossea in se stessa è asintomatica fino a che cominciano a manifestarsi le fratture, sovente precedute da una aspecifica sintomatologia algica. La maggior parte del dolore cronico tipico dell’osteoporosi è il risultato di fratture, che possono verificarsi dopo traumi minimi, inapparenti o addirittura in assenza di traumi.

La rachialgia da fratture vertebrali è uno dei fattori che maggiormente contribuiscono a determinare compromissione della qualità di vita.

Criteri diagnostici

Osteoporosi - Cure, Prevenzione e Salute del Dottor Roberto SettembreL’osteoporosi è caratterizzata da bassa densità minerale ossea. Poiché questa condizione è ampiamente sottodiagnosticata, il primo sintomo clinico è spesso rappresentato da una “frattura a bassa energia”, più frequentemente a carico della colonna vertebrale, polso o anca.

La diagnosi di osteoporosi si basa sulla valutazione della densitometria ossea raffrontata a quella media di donne adulte sane (picco di massa ossea). Il risultato dell’esame, espresso in mg di minerale/cmq di tessuto indagato, viene comunemente espresso anche in termini di deviazioni standard dal picco medio di massa ossea (T-score).

Attualmente, una delle metodiche più utilizzate è l’ULTRASONOGRAFIA A CARICO DEL CALCAGNO O DELLE FALANGI. La falange può essere ritenuta preferenziale rispetto al calcagno, in quanto rappresenta una struttura ossea completa di quota corticale e quota trabecolare, mentre il calcagno comprende principalmente osso trabecolare, sottoposto a continuo carico meccanico, che ne va a limitare la libertà di risposta locale alle modifiche sistemiche del turnover osseo.

Il principale parametro quantitativo rilevato mediante il sistema ultrasonico a livello della metafisi distale delle falangi prossimali II a V della mano non-dominante, è la velocità di trasmissione espressa in m/s come Amplitude-Dependent Speed of Sound (AD-SoS).

Il sistema calcola anche un coefficiente di probabilità che il soggetto misurato sia portatore di fratture osteoporotiche, il cosiddetto Ultrasound Bone Profile Index (UBPI).

Anche l’effetto dei farmaci sul tessuto osseo si presenta ben misurabile a livello delle falangi, come dimostrato sia in chiave positiva per la terapia ormonale sostitutiva nella donna post-menopausale, sia in senso negativo come effetto collaterale della terapia anticonvulsivante cronica sia per monitorare in chiave quantitativa il decorso della patologia reumatologica (quale l’artrite reumatoide), in quanto la rarefazione ossea in prossimità delle articolazioni interfalangee è strettamente dipendente dalla cronicità delle sequenze infiammatorie articolari.

Questo metodo diagnostico si è dimostrato particolarmente efficace nell’identificare l’osteopenia post-menopausale, nell’effettuare diagnosi di osteoporosi e nel monitorare terapie antiriassorbitive, in grado di rilevare l’impatto sull’osso di numerose patologie; di semplice utilizzo, sicuro (assenza di radiazioni ionizzanti), affidabile e preciso è ben accettata dal paziente.

Disegno dello studio

Lo scopo di questo studio è stato quello di valutare gli eventuali effetti favorevoli della supplementazione di un complesso omeopatico nei confronti della rachialgia in pazienti con osteopenia monitorata mediante densitometria ossea falangea ad ultrasuoni.

Si è utilizzato per la terapia un preparato che miscela tre componenti (Calcium fluoratum D6 e D12, Magnesium phosphoricum D6 e D12, Acidum silicicum (Silicea) D6 e D12 in anaparti) che in modo sinergico stimolano l’osteogenesi ed aumentano la proliferazione e la capacità differenziativa degli osteoblasti agendo su marcatori sia precoci che tardivi di tale processo; l’induzione dell’enzima Fosfatasi Alcalina (che interviene nei processi della costruzione della matrice organica calcificabile) attraverso l’attivazione di Proteine G alfa-0 e alfa-i, si esplica sia aumentandone la quantità sia velocizzando i tempi di espressione attraverso la modulazione della quantità di RNA messaggero.

Scopri ancora:  L’Omeopatia non va in vacanza! Cosa fare nei disturbi acuti.

Lo studio osservazionale è stato condotto per due anni su 100 soggetti di sesso femminile (43-89 anni).

I Criteri di inclusione sono stati: rachialgia, in pazienti in menopausa fisiologica o chirurgica, che alla luce del controllo densitometrico dopo 12 mesi dal precedente avevano mostrato un decremento del T-score di almeno il 20%, a riprova di una tendenza alla perdita di massa ossea, ed infine che non rientravano nei soggetti che, secondo la Nota AIFA 79, possono beneficiare di prescrizione farmacologica a carico del SSN.

I Criteri di esclusione sono stati: incostanza nella terapia o nelle misurazioni della densitometria ossea oppure assunzione di farmaci di diverso tipo rispetto a quelli dello studio.

I 100 pazienti sono stati divisi in tre gruppi:

  • gruppo A: 60 pz trattati con questo prodotto omeopatico, (8 gtt x 2, ore 8-20) per 3 mesi, seguiti da 3 mesi di sospensione e ripresa dello stesso ciclo
  • gruppo B: 30 pz sottoposti a trattamento con Vit. D, 25 gtt somministrate su una mollica di pane 1 volta a settimana;
  • gruppo C: 10 pz che hanno rifiutato qualsiasi farmaco, accettando tuttavia i controlli del caso.

Tutti i pazienti inclusi hanno:

  • iniziato il trattamento dopo almeno 2 mesi dalla sospensione di eventuali cure farmacologiche e/o fisiche che potessero influenzare la struttura e la funzionalità del tessuto osseo.
  • Evitato cure che potessero inficiare i risultati, fatta eccezione per un eventuale terapia antalgica al bisogno.

I pazienti sono stati sottoposti a valutazione clinica, VAS, scala visuoanalogica per la misurazione del dolore sulla quale 0 rappresenta l’assenza di dolore e 10 il peggior dolore mai percepito, e densitometria ossea falangea, con DBM Sonic Bone Profiler, per il monitoraggio della osteopenia, all’atto dell’arruolamento (t0), a 12 mesi (t1) e 24 mesi (t2).

Risultati

Le pazienti che hanno assunto questo prodotto omeopatico hanno mostrato:

  • un netto miglioramento della sintomatologia algica (75%), con minime dosi di terapia antalgica, ed all’esame densitometrico hanno mostrato un

miglioramento (35%) o stabilizzazione (45%) dei livelli di T-score a fronte di un peggioramento delle pazienti che avevano assunto vitamina D o che si erano rifiutati di assumere farmaci.

Nel gruppo B si è evidenziata una sostanziabile invariabilità della rachialgia, con maggiore uso di terapia antalgica,e un peggioramento dl T-score nel 40% dei casi.

Nel gruppo C, privo di apporto farmacologico di ogni sorta, presenta un lieve peggioramento della sintomatologia algica con una riduzione del T-score significativa in oltre il 50% dei casi.

Nessun paziente mostrava effetti collaterali alle terapie somministrate.

Come avviene per qualunque sperimentazione clinica, tale proposta di approccio clinico-terapeutico andrà monitorato nel tempo per osservare se i miglioramenti ottenuti, cioè i risultati sperati, siano poi mantenuti nel tempo, soprattutto nella prevenzione di recidive, saldate ad una patologia cronica nella maggior parte dei soggetti arruolati, e non scevra di futuri peggioramenti dal punto di vista anatomo-patologico.

Conclusioni

Il composto omeopatico utilizzato si è dimostrato efficace nel rallentare, ed in alcuni caso migliorare, il processo di osteopenia di donne in menopausa che inizialmente presentavano una tendenza al peggioramento della massa ossea.

Tale composto, utilizzato precocemente in monoterapia, oppure in associazione con vitamina D e/o bifosfonati, ne può migliorare il risultato.

Bibliografia

  • Kanis JA, Delmas P, Burckhardt P, Cooper C, Torgerson D, on behalf of the European Foundationfor Osteoporosis and Bone Disease (1997) Guidelines for diagnosis and management ofosteoporosis. OsteoporosInt 7: 390-406.
  • Kanis JA, Burlet N, Cooper C, Delmas PD, Reginster JY, Borgstrom F, Rizzoli R on behalf of theEuropean Society for Clinical and Economic Aspects of Osteoporosis and Osteoarthritis (ESCEO)(2008) European guidance for the diagnosis and management of osteoporosis in postmenopausalwomen. OsteoporosInt 19: 399-428.
  • Kanis JA on behalf of the World Health Organization Scientific Group (2008) Assessment ofosteoporosis at the primary health-care level. Technical Report. WHO Collaborating Centre, Universityof Sheffield, UK.
  • Kanis JA, Johnell O, Oden A, Johansson H, McCloskey E (2008) FRAX™ and the assessment of fracture probability in men and women from the UK OsteoporosInt 19: 385-397.1. Riggs BL, Melton LJ III. The worldwide problem of osteoporosis: insights afforded by epidemiology. Bone 1995;17(Suppl):505–11.
  • Francis RM, Aspray TJ, Hide G, Sutcliffe AM, Wilkinson P. Back pain in osteoporotic vertebral fractures. OsteoporosInt2008;19:895–903.
  • McCloskey EV, Beneton M, Charlesworth D, Kayan K, deTakats D, Dey A, Orgee J, Ashford R, Forster M, Cliffe J, Kersh L, Brazier J, Nichol J, Aropuu S, Jalava T, Kanis JA. Clodronate reduces the incidence of fractures in community-dwelling elderly women unselected for osteoporosis: results of a double-blind, placebo-controlled randomized study. J Bone Miner Res. 2007 Jan;22(1):135-41
  • Orwoll ES, Scheele WH, Paul S, Adami S, Syversen U, Diez-Perez A, Kaufman J-M, Clancy AD, Gaich GA. The effects of teriparatide [recombinant human parathyroid hormone (1-34)] therapy on bone density in men with osteoporosis J Bone Miner Res 2003;18:9-17.
  • Saag KG, Shane E, Boonen S, Marín F, Donley DW, Taylor KA, Dalsky GP, Marcus R. Teriparatide or alendronate in glucocorticoid-induced osteoporosis. N Engl J Med. 2007 Nov 15;357(20):2028-39.
  • Glüer CC (for the International Quantitative Ultrasound Consensus Group): «Quantitative ultrasound techniques for the assessment of osteoporosis: expert agreement on current status» J Bone Miner Res 12: 1280-1288 (1997)
  • Hans D, Njeh CF, Genant HK, et al.: «Quantitative ultrasound in bone status assessment» Rev Rhum (Engl Ed) 65 (7-9): 489-498 (1998)
  • Kleerekoper M, Nelson DA, Flynn MJ et al.: «Comparison of radiographic absorptiometry with dual-energy X-ray absorptiometry and quantitative computed tomography in normal older white and black women» J. Bone Min. Res. 9 (II): 1745-1749 (1994)
  • Duboeuf F, Hans D, Schott AM, et al.: «Ultrasound velocity measured at the proximal phalanges: precision and age-related changes in normal females» Rev Rhum (Engl. Ed.) 63 (6): 427-434 (1996)
  • Sili Scavalli A, Marini M, Spadaro A, et al.: «Ultrasound transmission velocity of the proximal phalanxes of the non-dominant hand in the study of osteoporosis» ClinRheumatol 16:396-403 (1997)
  • Alenfeld FE, Wüster C, Funck C, et al.: «Ultrasound measurements at the proximal phalanges in healthy women and patients with hip fractures» OsteopInt 8: 393-398 (1998)
  • Reginster JY, Dethor M, Pirenne H, et al.: «Reproducibility and diagnostic sensitivity of ultrasonometry of the phalanges to assess osteoporosis» Int J GynecolObstet 63: 21-28 (1998)
  • Soballa T, Schlegel J, Cadossi R et al.: «Osteosonographie der PhalangenbeiMaennern» MedizKlinik 93: 131-136 (1998)
  • Mele R, Masci G, Ventura V, et al.: «Three-year longitudinal study with quantitative ultrasound at the hand phalanx in a female population» OsteopInt 7: 550-557 (1997)
  • de Aloysio D, Rovati LC, Cadossi R, et al.: «Bone effects of transdermal hormone replacement therapy in postmenopausal women as evaluated by means of ultrasound: an open one-year prospective study» Maturitas 27: 61-68 (1997)
  • Pluskiewicz W, Nowakowska J: «Bone status after long-term anticonvulsivant therapy in epileptic patients: evaluation using quantitative ultrasound of calcaneus and phalanges» Ultrasound Med Biol 23 (4): 553-558 (1997)
  • Machado ABC, Ingle BM, Eastell R: Monitoring alendronate therapy with quantitative ultrasound (QUS) and dual X-ray absorptiometry (DXA). J Bone Miner Res 14 S1: SU377 (1999)
  • Njeh CF, Boivin CM, Gough A et al: «Evaluation of finger ultrasound in the assessment of bone status with application of rheumatoid arthritis» OsteopInt 9: 82-90 (1999)
  • Manduca P. et al, “L’osteogenesi in vitro stimolata da FMS Calcium fluoratum”, Aggiornamenti di Medicina Integrata, 1° semestre 1996, 2-5
  • Palermo C. et al, “L’effetto di FMS Calcium Fluoratum sulla proliferazione e capacità differenziativa di osteoblasti coltivati in vitro”, Aggiornamenti di Medicina Integrata, 1° semestre 1999, 2-7
  • Palermo C. e Manduca P., “Fms Calcium Fluoratum aumenta l’espressione di fosfatasi alcalina attraverso l’attivazione di proteine G alfa-0, alfa-1”, Aggiornamenti di Medicina Integrata, 2° semestre 1999, 14-17
Scopri ancora:  3 metodi per una diagnosi precoce di OSTEOPOROSI